° ° infostra - studio infortunistica stradale - Toneatto per.ind. Vito ... " EspAuto " ...

torna alla... home page


Software per periti : (estimo speciale automobilistico)

EspAuto (by InfoStra) : semplice software per "estimo speciale automobilistico"

EspAuto é un software applicativo dedicato all’Estimo speciale Automobilistico e quindi alla gestione di uno studio professionale per periti industriali, ingegneri e periti assicurativi che svolgono l’attività (regolamentata dalla Legge 17 febbraio 1992 n. 166 e successive modificazioni) di accertamento e stima dei danni alle cose derivanti dalla circolazione, dal furto e dall’incendio dei veicoli a motore e dei natanti soggetti alla disciplina della legge 24 dicembre 1969 n. 990.

Idea di partenza ed obiettivi del software.

  1. Creare una documento di base (oggetto serializzato) dal quale si possono ottenere una serie di viste derivate dalla perizia (relazioni perizia auto, perizia di riscontro, parcella pro-forma, avvisi ecc.) che si possano integrare con gli altri documenti di lavoro di un professionista : testi, fogli elettronici, disegni (grafica metafile), immagini (grafica bitmap), registrazioni sonore, videoclip, ecc.
  2. Fornire un interfaccia utente di utilizzo semplice, di tipo MDI - Multiple Interface Document, orientata agli oggetti, che ne consenta una facile trasportabilità ed integrabile con le altre applicazioni di office automation (ad esempio inserire una relazione di perizia o una sua parte in un gestore di testi o foglio elettronico o viceversa).
  3. Cooperare con gli strumenti di Office Automation di maggiore diffusione e salvaguardare la originalità dei documenti utilizzati per l'espletamento dell'incarico e collegati alla perizia (in particolare per le fotografie digitali, fax, e-mail ecc.)
  4. Utilizzare per l'archiviazione dei documenti perizia direttamente le potenzialità del file system invece di un data-base relazionale (che comunque viene utilizzato dal software per la raccolta e/o memorizzazione di dati collegati al documento perizia e/o ai documenti collegati) per la protocollazione annuale (numerazione automatica degli incarichi).
  5. Generare le viste dei documenti per la visualizzazione sul monitor, per la stampa indipendente dall'hardware (stampare su stampanti di qualsiasi tipo e quindi anche stampare direttamente fax o generare file pdf), per la trasmissione e-mail, per la visualizzazione in formato html per web internet intranet, per il trasferimento dati in formato xml (in concorrenza ai formati perizia Ania).

Alcune Premesse

Un ambiente di oggetti reali logicamente organizzati, può essere simulato con un analogo modello virtuale orientato alla gestione di tali oggetti.
Nel caso reale il perito gestisce documenti di vario tipo, incartamenti vari, immagini fotografiche, disegni tecnici (
fogli) che vengono normalmente raccolti in fascicoli (cartelline), tali fascicoli vengono protocollati (numerati con qualche logica) ed inseriti in raccoglitori (ad esempio dal n. 1 al 100, dal 101 al 200, da 201 al 300 ,,, ), i raccoglitori vengono raggruppati in modo ordinato in esercizi annuali (anno per anno).
In modo analogo vengono ordinati anche gli altri oggetti da utilizzare, corrispondenza con clienti, documentazione tecnica, libri, manuali, registri fiscali ecc ... e il tutto viene disposto insieme agli strumenti di lavoro in uno
studio !
Questo modello reale si può facilmente ricreare virtualmente in un file system di PC o in una rete locale, o intranet o anche su internet.

In tutto questo discorso EspAuto non serve per gestire testi, fogli di calcolo, disegni o altro (questo software di uso generale abbonda ed è di ottima qualità), ma serve solo per raccogliere i dati tipici relativi alle pratiche di un perito assicurativo, ad organizzarle ed a protocollarle (fascicolarle).
Serve poi per la stesura della parte tecnica analitica di una perizia automobilistica, per generare messaggi di comunicazione ed interlocutorie standardizzate ed infine per la generazione della relativa parcella pro-forma.
EspAuto associa logicamente ad ogni incarico (e quindi ad ogni sinistro anche con pluralità di veicoli danneggiati) un numero di registrazione che serve ad individuare la corrispondente pratica nello studio (praticamente genera un file di tipo " *.RpA " denominato logicamente con il numero di protocollazione progressiva).
Realizzando il modello organizzativo reale sopra citato EspAuto organizza la raccolta degli oggetti di lavoro creando in progressione una serie di directory dove inserisce poi i diversi file che virtualmente contengono questi oggetti a partire dallo studio !
EspAuto organizza un modello simile a quello esposto nel diagramma sulla sinistra, in questo caso il nodo di entrata (ingresso allo studio) è la directory InfoStra che nel caso si trova nel disco (C:) ma può essere posta in qualsiasi altro nodo del file system.
InfoStra può contenere diversi raccoglitori, tra cui DataBase, Infarc99, InfArc00, InfArc01, InfArc02 ... InFisc00, InFisc01, InFisc02 ... .
Se si apre ad esempio Infarc02 si potranno trovare dentro i raccoglitori ordinati 0200_01, 0201_01, 0202_03 ... 0209_10, 0210_11, fino ad arrivare al massimo a ... 0299_00 (con questo modello EspAuto prevede di gestire al massimo 9,999 fascicoli).
Ogni fascicolo è individuato in modo univoco dalla prima parte del nome, ad esempio 020001 è il primo fascicolo del 2002, 020002 il secondo, 041069 il mille-e-sessantanovesimo del 2004 !
EspAuto crea e denomina i fascicoli con qusto criterio e genera per ciascuno almeno un file con la estensione finale "RpA", in genere "eennnn.rpa" è il prototipo del documento o oggetto o fascicolo perizia in cui ("ee" = due cifre finali dell'esercizio annuale, "nnnn" = numero progressivo a quattro cifre, ".rpa" = estensione del file di tipo relazione perizia auto).
Se si vogliono avere più perizie nello stesso fascicolo è sufficiente aggiungere a queste parti fisse dei suffissi ad esempio : "041069ass.rpa", "041069ct1.rpa", "041069ct2.rpa" ... , "041069aa.rpa", ... ecc.. La stessa logica viene utilizzata nell'inserimento di altri file correlabili.
Ad esempio per le foto, nel caso sopra indicato, si possono denominare i rispettivi file "*.jpg" con la stessa logica e, supposto di avere effettuato tre sopraluoghi, il primo con tre foto, il secondo con due ed il terzo con quattro, si avranno :
041069aa.jpg, 041069ab.jpg, 041069ac.jpg,
041069ba.jpg, 041069bb.jpg,
041069ca.jpg, 041069cb.jpg, 041069cd.jpg, 041069ce.jpg,
EspAuto per la organizzazione delle informazioni segue questa semplice logica !

Cosa contengono i file "*.rpa" ?
In gergo tecnico contengono un documento serializzato ovvero tutti i dati necessari a ripristinare successivamente e ricreare il documento che si era salvato precedentemente non solo sul proprio P.C. ma anche su qualsiasi P.C. che contiene lo stesso software associato ai file di questo tipo.
I dati degli incarichi di perizia sono contenuti in questi documenti serializzati "relazione di perizia" che sono riconoscibili in quanto hanno un formato ( *.RpA ). Per aprire una perizia risulta quindi sufficiente selezionare e dare l'invio alla icona relativa alla pratica contrassegnata o meglio attivarla con un semplice doppio click del mouse.
EspAuto, a differenza della maggioranza dei software applicativi per perizie presenti in commercio, non frammenta ed occulta le perizie in un data-base relazionale ma crea dei veri documenti serializzati "relazione di perizia" alla stregua dei documenti di testo (*.doc) generati con Microsoft Word, dei fogli elettronici (*.xls) creati con Microsoft Excel, dei disegni tecnici (*.dwg) generati con AutoCad, delle immagini acquisite da fax con formato (*.tif) da quelle acquisite da fotocamera (o da scanner o da web) in formato (*.jpg), da registrazioni audio (*.wav) e da tutti gli altri formati ed oggetti che come "file" vengono gestiti dal computer.
Come rintracciare i fascicoli quando servono ?
EspAuto crea un file di tipo " *.RpA " ma si crea e si gestisce anche un data-base interno che provvede a suggerire la numerazione automatica dei nuovi " *.RpA " ed a tenere traccia di tali documenti in un "Archivio Sinistri" consentendo di ritrovarli con doppio filtraggio : primario per committente e secondario per numero di pratica, per nome delle parti coinvolte, per targhe, per numero di sinistro del committente. ed inoltre le modalità di interrogazione e ricerca possono essere scelte dell'utente. In altri termini abbina al criterio logico utilizzato anche gli strumenti per controllarlo ed il tutto con la massima trasparenza !
Che viste produce EspAuto ?
Le viste sono gestite dal software applicativo che ne produce di diversi tipi e quello che vedi sul video è quello che ottieni in stampa (wysiwyg - what you see is what you get). Le viste principali sono una scheda incarico (cartellina raccoglitore) ; uno o più documenti relazione di perizia ; avvisi, comunicazioni, raccomandate ed interlocutorie standardizzate ; un documento parcella pro-forma. Questi documenti possono essere stampati su qualsiasi stampante presente nella cartellina stampanti del P.C. (quindi anche fax !). Gli stessi documenti possono essere inviati nei formati standard per posta elettronica o predisposti in formato dati xml per le pagine html del web internet.
Trasmissione dei dati delle perizie ?
In premessa una domanda apparentemente banale : " Chi decide i dati da mandare ai clienti ? " è in realtà fondamentale sia da un punto di vista etico che professionale. La responsabilità di redigere e firmare una perizia è dei periti e non certo delle compagnie di assicurazione o tantomeno delle software house con cui tentano di imporre una veicolazione di dati limitata ed asservita alle sole loro esigenze operative (definibile non da periti ma da assicuratori).
Ognuno deve fare il suo mestiere, ai periti in piena libertà fornire tutti i dati che tecnicamente, professionalmente e deontologicamente sono necessari nelle forme e modalità e con l'utilizzo delle tecnologie più esaurienti che oggi possono già essere di tipo ipertestuale con testi, immagini, video ecc. Non è pertanto corretto imporre ai periti strumenti software e di trasmissione dati preconfezionati (data entry di telelavoro) che ne limitano la professionalità.
Per questo motivo EspAuto supporta il formato dati in xml e non intende supportare la trasmissione dei dati delle perizie nel classico formato Ania (struttura di tipo rigido, che limita le potenzialità espressive di un vero professionista). Questo significa che chi riceve i dati in formato xml deve semplicemente occuparsi di scegliersi quelli che desidera elaborare tra tutti quelli che gli pervengono. Nella trasmissione dati xml non ci sono dati occultati e trasmessi all'insaputa del mittente come avviene nel formato dati Ania, i dati trasmessi sono quelli e solo quelli visibili nei documenti, firmati e quindi certificati dal perito che ne risponde deontologicamente, civilmente e penalmente firmando la perizia !. I committenti possono perciò procedere ad un controllo formale anche delle perizie che gli arrivano in formato xml in modo analogo a quanto avviene per l'attuale formato dati Ania e non più nel PC del perito ma molto più correttamente a casa loro.
Dal marzo 2003 i tempari ed i prezziari EdAss sono stati finalmente distribuiti in formato elettronico direttamente all'utente finale su CD anche se con un macchinoso quanto inutile sistema di protezione e limitazione di utilizzo integrale di Acrobat Reader che tenta di impedire il windowing, il taglia e incolla di testo e grafica e le altre prestazioni di cooperazione di tale software. EspAuto è comunque in grado di ricevere in 'paste' sia i dati testo che la grafica di tali pubblicazioni.
EspAuto dispone anche di un menù che consente di generare partendo dal file "*.RpA" un sub-set dei tre file in formato dati "pseudo-Ania-compatibile" (dei soli dati di pubblico dominio) per il caricamento della perizia in un data-base ma con i limiti di tale sistema.

Come si utilizza EspAuto ?
Le icone e sono rispettivamente quella con l'automobilina nera che lancia il software EspAuto e quella con l'automobilina nera e le scritte DOC ed RPA che lancia direttamente i documenti perizia, entrambe con un semplice doppio click sull'icona !

Nel primo caso si apre automaticamente una finestra nuova perizia ed il perito può o richiuderla o richiamare altre perizie per lavorare in modo concorrente.
All’arrivo di un nuovo incarico (lettera, telefono, fax, e-mail) il perito seleziona la finestra nuova perizia o, se era chiusa, agisce sul menù o icona file nuovo... che genera una finestra nuova perizia, poi, sempre da menù seleziona scheda incarico utilizzando in tal modo una nuova posizione di pratica suggerita automaticamente dal software. Nel momento in cui la salva viene creato e denominato il nuovo oggetto (file *.rpa ). Ottenuta questa nuova posizione il perito potrà farvi riferimento per tutti i successivi documenti collegati e contestualmente o successivamente potrà inserire nel relativo raccoglitore anche fax in arrivo, lettere, c.a.i., moduli amministrativi, e tutti i documenti allegabili ridenominandoli in modo univoco e trascinandoli semplicemente dentro al raccoglitore di riferimento dalla loro posizione di arrivo nel computer (messaggi della segreteria telefonica, fax, e-mail internet, documenti e foto da scanner, foto e videoclip da fotocamera ... usi futuri).
EspAuto ha un interfaccia utente di tipo MDI (Multi Document Interface) analoga a quella di Microsoft Excel e quindi si possono aprire contemporaneamente diverse perizie ed elaborarle in modo concorrente (... mentre sto elaborando una perizia vengo chiamato al telefono, individuo una nuova perizia e la apro, ci lavoro sopra e poi torno a quella precedente che non era stata chiusa !).
EspAuto permette di visualizzare la perizia in formato normale (a video), in formato web ed in formato stampa, EspAuto ovviamente utilizza anche i data-base dai quali é in grado di ricevere tutte le informazioni sia dal computer, sia da rete locale. Per EspAuto i data-base sono sorgenti di dati ed informazioni che poi vengono inserite o collegate in ogni distinto documento (*.rpa).

Dai Data-base interni EspAuto ricava informazioni relative allo studio, al perito, agli archivi delle pratiche dello studio, ai clienti, ai veicoli (tempi di riparazione e prezzi delle parti di ricambio), alle riparazioni (autoriparatori, costi e tariffe) alle comunicazioni a scadenza (avvisi, raccomandate, lettere e interlocutorie), alla emissione delle fatture pro-forma per la successiva fatturazione.
EspAuto gestisce appieno il taglia-copia-incolla ed essendo un software applicativo orientato agli oggetti come tale è capace di contenere altri oggetti (fogli elettronici, file testo, disegni, immagini ...) o di incorporarli ed anche di essere incorporato in altri oggetti.

La relazione di perizia è impaginata automaticamente sia a video che su stampante (o fax) o (web) può contenere i dati di [N] titoli di proprietà del veicolo (proprietari, comproprietari, locatari ...) può contenere i dati di [N] contatti (sopraluoghi, comunicazioni telefoniche, lettere, fax) relativi alla esecuzione dell'incarico, può contenere [N] voci analitiche di danno e campi di testo (osservazioni) senza limitazione di dimensioni ! La lunghezza della relazione dipende unicamente dal numero di tali righe di dati, di analisi del danno e/o di testo introdotte.

Ovviamente mentre sul video basta scorrere la finestra per vedere la intera relazione (anche centinaia e centinaia di righe ! come in un file di testo), la stampa su carta o fax si serve della impaginazione automatica in base alle impostazioni di pagina, di anteprima di stampa e di stampa di Windows. In tal modo, oltre che la stampa su carta, disponendo degli appropriati driver di stampa virtuali (fax o pdf) si possono generare anche formati *.tif e *.pdf da trasferire si via e-mail che web.

Tutti i dati relativi allo studio, ai periti, ai committenti (compagnie e ULD/CLD/ispettorati, agenzie, e relativi codici o avvocati e loro clienti, giudici/magistrati e uffici di riferimento), ai codici Ania, ai comuni cap e distanze, agli autoveicoli, agli autoriparatori ecc. ecc. nonchè all'Archivio Sinistri vengono inseriti e raccolti in un data-base che viene gestito con inserimento a box di dialogo o automatico dal software.

 

Altre notizie : EspAuto è sviluppato in C++ ed utilizza data-base " *.mdb " (gestibili con Microsoft Access), richiede Windows 98 2000 o XP, lavora in €uro ma può essere utilizzato anche con qualsiasi altra valuta definibile perizia per perizia unitamente al tipo di formato dei corrispondenti campi numerici, non richiede moduli prestampati in quanto stampa le cartelline sinistro (o modulo di incarico e rilevamento), le relazioni di perizia, le comunicazioni e le parcelle pro-forma su normale carta bianca tracciati inclusi ! e ... soprattutto Wysiwyg !


torna alla... home page

infostra copyright.
Ultimo Aggiornamento : 25 novembre 2012.